domenica 19 maggio 2019

Se la Lega vuole diventare veramente un movimento nazionale




Consapevole di essere ripetitivo, farò un ulteriore tentativo per spiegare il mio punto di vista.  Un movimento politico che si vuole populista non cerca di modificare gli assetti sociali esistenti, ma piuttosto, come peraltro bene ha spiegato Salvini, si mette in ascolto e tende a riprodurre la domanda sociale proveniente da tali assetti, dandoli in una certa misura per consolidati.
Ora, una analisi approfondita dei flussi di voto svolta da Ipsos alle politiche del 2018 ed in base ai sondaggi a dicembre del medesimo anno consegnano, per la Lega, un quadro per certi versi sorprendente. La categoria sociale in cui la Lega è più rappresentata non è la piccola borghesia classica, ma il ceto operaio: il partito di Salvini prende circa il 40% del voto operaio, soprattutto nelle aree manifatturiere di tipo distrettuale del Nord che per prime sono ripartite dopo la crisi, sfruttando la combinazione fra flessibilità e economie di scala tipiche delle imprese di medie dimensioni leader di distretto, l’immagine di eccellenza del “made in Italy” e una capacità innovativa, nonostante tutto, ancora radicata: il distretto della calzatura sportiva di Montebelluna, l’occhialeria del Veneto, il distretto dell’automazione della Motor Valley emiliana, le piastrelle di Sassuolo, i mobilieri della Brianza, e così via.
Perché gli operai di tali realtà, sicuramente più dinamiche della media e più rapide a riprendere dopo la crisi, votano Lega? Per due motivi fondamentali. Il primo è che, operando in piccole e medie realtà a gestione padronale, sono meno sindacalizzati, hanno un rapporto osmotico con la proprietà che li ha condotti a ragionare, spesso, più come “piccoli imprenditori” che come proletari nel senso marxiano. Il secondo è che il modello distrettuale italiano, grazie a Monti, Bersani, Renzi e l’allegra combriccola, ed a causa della scarsità della italica borghesia, senza capitali e con poco coraggio, nel momento in cui le tradizionali dinastie di industrialotti sono entrate in declino per motivi anagrafici, è diventato oggetto di shopping industriale da parte di cinesi, francesi, tedeschi, statunitensi. La proprietà straniera dell’azienda è il primo passo per una sua successiva chiusura con un fax non appena la casa-madre individui un Paese dove la produzione è più conveniente, e questo i lavoratori lo sanno benissimo. Ad esempio, la Brianza è una colonia franco-tedesco-cinese[1]. Senza contare i casi, come il distretto di Prato, nei quali il distretto italiano è stato divorato letteralmente da un distretto cinese che lo ha fatto praticamente sparire, sostituendo cinesi ad italiani[2], usando prevalentemente come fattore di competitività l’illegalità, il nero, l’evasione fiscale, il disprezzo delle regole dei CCNL e delle leggi sulla sicurezza del lavoro, e poi ci si stupisce se l’operaio un tempo comunista ed internazionalista oggi è ostile all’immigrazione e punta su un tema tradizionalmente di destra come la sicurezza e la legalità! In altri termini, la globalizzazione stende il suo manto di paura e di regole feroci della competizione sull’operaio dei distretti industriali del Centro-Nord, il cuore del nostro sviluppo. Creando problemi nuovi: non più solidarietà internazionalistica operaia, ma difesa del lavoro italiano. Non più “sbirro maledetto” ma richiesta di sicurezza e legalità.
Questo è il punto su cui un movimento politico come la Lega, che aspira a divenire destra nazionale, deve poter incidere per garantirsi la crescita futura. La crisi economica produce una domanda trasversale ai diversi gruppi sociali, fatta sì da sicurezza e legalità (e su questo la Lega ha avuto successo con il suo messaggio programmatico) ma anche da lavoro e welfare. Ulteriore dimostrazione della centralità del tema lavoristico: le percentuali di consenso più importanti alla Lega si registrano fra le classi di età lavorativa: fra chi ha un’età compresa fra i 35 ed i 64 anni. Non fra gli studenti, che in larga misura si illudono di poter trovare una collocazione vincente sul mercato del lavoro grazie ai loro studi, e quindi non rivolgono una domanda “lavorista” alla politica, né fra i pensionati, specie di fascia medio-alta, che costituiscono il serbatoio di voto del Pd.
E poi, l’altra faccia della crescita della Lega oltre i confini primigeni di movimento rappresentativo della rivolta fiscale della piccola borghesia settentrionale è costituita dalla percentuale di penetrazione nel sottoproletariato urbano: il voto leghista assorbe più del 28% del consenso dei disoccupati e degli inoccupati, il 38% delle casalinghe, il 37% fra chi ha al più la licenza elementare. E’ il grande popolo degli sconfitti, di chi è rimasto strutturalmente indietro e nella maggior parte dei casi non è più recuperabile per un reingresso nel mercato del lavoro, perché il gap di skill lavorativi e di curriculum ed età è troppo ampio.
Tutto questo significa che il mantenimento di questi gruppi elettorali, che sono fondamentali per il successo finale della Lega e pesano di più rispetto alla medio-piccola borghesia di tradizionale insediamento della destra italiana (i liberi professionisti e dirigenti e i commercianti, artigiani ed autonomi che votano Lega sono meno del 30% del totale) dipende dalla capacità di parlare di politiche economiche, del lavoro e sociali. Non è più sufficiente la sola proposta fiscale incentrata sulla flat tax: essa ha impatto soprattutto su quel ceto medio moderato sul quale la proposta politica di Berlusconi ha fatto successo per un ventennio. Ma era un’altra Italia: quel ceto medio moderato è in larga misura sprofondato nella crisi, o ha mutato strutturalmente modo di produzione, subendo fenomeni di precarizzazione, e di conseguenza ha una diversa visione politica. Secondo l’Istat (Rapporto Annuale 2017) tale gruppo sociale è pari ad appena il 20% del totale delle famiglie nel 2015, ed è certamente molto meno stabile e sereno di quello pre-crisi.

I risultati dell'indagine Ipsos


In aggiunta alla flat tax, serve una proposta di politica industriale anche innervata di elementi di protezionismo, che sfidi i Trattati Europei sul divieto di fare politiche settoriali e di erogare aiuti di Stato, che recuperi il recuperabile di Industria 4.0 ritarandolo sulle esigenze tecnologiche più attualizzate delle imprese, e che si sposti verso un incentivo al brevetto, cioè all’innovazione di prodotto, anziché al processo, ovvero all’acquisto di macchinari innovativi per la produzione.
E serve una politica sociale che, oltre al giusto e sacrosanto principio per cui l’accesso ad ogni prestazione socio-sanitaria sia riservato prioritariamente agli italiani, investa per creare più alloggi popolari, più ambulatori, più servizi contro le dipendenze, smantellando quel sistema di corruttele pubblico-private costituito dalle cooperative sociali e case-famiglia rosse e bianche, recuperando al pubblico anche un ruolo gestionale, oltre che meramente programmatorio, finanziario e di controllo.
Più in generale, serve un nuovo Patto sociale che rimetta lo Stato al centro della sovranità delle politiche, e ciò necessariamente implica il coinvolgimento generale della società dentro tale Patto. Le risorse si prenderanno aumentando il deficit oltre il mantra assurdo del 3% e recuperando risorse dall’evasione fiscale con metodi civili (fra i quali certamente la flat tax, che disincentiva l’evasione) e non con metodi deduttivi come gli studi di settore.

lunedì 6 maggio 2019

Il programma elettorale del Pd per Livorno: analisi critica



Iniziamo una breve carrellata di articoli di analisi dei programmi elettorali dei diversi schieramenti per il Comune di Livorno. Per ordine di presentazione, avviamo l’analisi dal programma di Luca Salvetti, candidato sindaco per il Pd, Articolo 1 e il movimento di Raspanti e Cepparello (i due che con Buongiorno Livorno nel 2014 fecero dichiaratamente la guerra al Pd, fino ad offrire appoggio elettorale al M5S al ballottaggio, e che adesso, deposte le armi, sono confluiti dentro il Pd).
Iniziamo con il dire che non si tratta di un programma elettorale, ma di una dichiarazione di intenti. Si limita infatti ad elencare, in modo peraltro confuso e poco leggibile, una serie di buoni propositi, senza indicare le priorità, le fonti finanziarie e gli strumenti programmatici con i quali si intendono realizzare i buoni propositi.
In materia di sviluppo economico, che poi è il cuore del tragico declino di Livorno, si ripropongono, citandoli, i progetti già in atto, come la Darsena Europa e la crocieristica. Date come apoditticamente in grado di rilanciare le sorti del porto, senza nessuna analisi delle reali prospettive future del traffico container (per il quale Darsena Europa è stata concepita) posto che, nella recente missione d’affari precedente la stipula degli accordi commerciali per la Nuova via della Seta, i cinesi hanno chiaramente espresso la loro preferenza per gli scali di Genova e La Spezia, e che non si fornisce, nemmeno a grandi linee, un progetto di massima sul radicamento in città del turismo crocieristico, che rischia di essere di mero passaggio verso altre mete della Toscana. Persino il fantomatico progetto di creazione di una sorta di metropolitana di superficie che parta dalla ex stazione FFSS di San Marco per collegare Pisa (ma chi lo paga un simile progetto? Esiste nel PON Trasporti ed Infrastrutture? E’ stato negoziato nella ripartizione del Fondo Sviluppo e Coesione? E’ missione ed interesse di Trenitalia entrare nel mercato delle metropolitane urbane?) sembra idoneo a far fuggire verso altre destinazioni i crocieristi appena sbarcati, anziché cercare di trattenerli fos’anche qualche ora in città per fare qualche spesa.
Sull’industria, considerando che Livorno è pur sempre una città industriale, seppur in profonda crisi da deindustrializzazione, non si spende un rigo, tranne che per l’idea di convertire la raffineria di Stagno in una bioraffineria, di per sé anche buona, a Porto Marghera ed a Gela ha funzionato, ma non si sa se tale idea sia stata minimamente approfondita con il proprietario dell’impianto, ovvero con l’ENI, o se sia tutta da verificare. Bene anche l’idea di un censimento delle aree industriali disponibili, è dagli anni Novanta che se ne parla, ma per fare attrazione di investimenti serve la capacità di allestire pacchetti localizzativi, partendo da un’idea evolutiva delle vocazioni produttive esistenti, incrociandola con la domanda di IDE, e per farlo serve una competenza di politica industriale che, obiettivamente, da quando Spil è diventata un gestore di parcheggi, il Comune non ha più, e non si capisce come potrebbe ricostruirla.
Ricorre, perché è trendy, l’idea del Centro Commerciale Naturale, che il Pd vorrebbe insediare dentro il Pentagono, e che, in fondo, sembra essere poco più dell’evoluzione del mercatino già esistente a piazza Garibaldi e del piccolo commercio limitrofo. Purtroppo, anche se non si dice esplicitamente, la questione sembrerebbe anche collegarsi con la proposta di “aree pedonali” nel centro, non si dice bene dove. Trasformare in area pedonale il Pentagono significherebbe spaccare in due la città, distruggendo ogni forma di mobilità.
Taccio per carità di Patria sull’idea di un “CNEL livornese”. La cosa si commenta da sola. Siamo al ritorno delle vecchie pratiche deleterie di concertazione permanente, con soggetti sindacali, peraltro, sempre meno rappresentativi del mondo del lavoro reale.
La parte sulle politiche socio-sanitarie ha alcuni aspetti di involontario umorismo, come quando si afferma che si vuole fare contrasto alla povertà aumentando le assunzioni nei servizi sociali (allora ditelo esplicitamente che sono parassiti) o temi banali, o addirittura che si dubita possano essere di competenza del Comune.
La proposta di riduzione degli oneri concessori che Casalp paga ai soci pubblici, al fine di liberare risorse per la manutenzione straordinaria di alloggi popolari sfitti, è una buona idea, se non fosse che è già stata ampiamente sperimentata nella consiliatura attuale, ed ovviamente, trattandosi di un introito per il bilancio comunale, non potrà essere ridotto più di tanto, e tanto meno “azzerato”, come dice il documento. Nessuno pensa di accedere ai Fondi governativi (seppur oggettivamente molto ridotti) per l’edilizia popolare, o ai fondi per il social housing che CCDDPP mette a disposizione degli enti locali, per evitare di far gravare sul bilancio comunale il peso dei necessari interventi.
Le proposte sulla sicurezza sono fatte della stessa materia con cui sono fatti i sogni. Ci si trova di fronte a quartieri il cui livello di degrado sociale ha raggiunto limiti tali da rendere impensabile una “gentle suasion”, ed a richiedere itnerventi energici. Affermare che occorrono “interventi atti a favorire una cittadinanza attiva, la consapevolezza dell’appartenenza al territorio urbano e lo sviluppo della vita collettiva. L’accesso ai diritti contribuisce a facilitare il diritto alla sicurezza” è, ovviamente, pura demagogia. E’ con la militarizzazione ed il pugno duro che si combatte il degrado estremo in ambito urbano, non con “l’insediamento di associazioni e gruppi di volontariato nei quartieri più difficili, in modo da mettere in moto buone pratiche di comunità” o  la valorizzazione degli spazi per le arti e la circolazione di idee e cultura”. E’ con una lotta molto severa al degrado urbano, alla sporcizia, al vandalismo ed agli atti di deturpazione che si crea sicurezza. E non lo dico io, lo dice la migliore teoria criminologica esistente (cfr. l cosiddetta “teoria della finestra rotta”, di Wilson e Kelling).
Poi ci sono gli evergreen, ovvero i progetti che ricicciano fuori da anni: la cittadella dello Sport (personalmente fornii questa idea all’allora candidato Ruggeri nel 2014, ho ancora la mail lì a dimostrarlo) e l’ospedale, senza però fornire dettagli su come si intende procedere, con quali partner, con quali soldi, con quale progettualità.
Non si spende una parola sulla riorganizzazione e riqualificazione della macchina amministrativa comunale e delle sue partecipazioni ed in-house, molto grillescamente affidandosi alla consueta partecipazione dal basso dei cittadini, tramite comitati e varie forme di sussidiarietà, senza però dire che tale mobilitazione non produce niente, se non viene sintetizzata e riportata dentro una pianificazione che solo l’ente è in grado di realizzare (è in fondo il limite della proposta pentastellata).
Anche la parte sui trasporti è generica, intrisa di slogan buoni per tutte le stagioni (sostenibilità, integrazione, visione strategica, inserimento del PUMS nella programmazione di area vasta) ma non fornisce una idea di quali scelte si faranno.
Si chiude il tutto con il solito buonismo di sinistra: iscrizioni anagrafiche free per tutti i richiedenti asilo, per i “figli delle coppie omosessuali” (quindi la Livorno di Salvetti sarà genderizzata), pari opportunità per tutti, indipendentemente da nazionalità, passaporto, orientamento sessuale (olé), se gli puzzano i piedi o meno, purché non ci siano “cittadini di serie B”. In questa collezione di stereotipi mirati allo sradicamento identitario mi stupisce che manchi la frase “nessuno resti indietro”, evidentemente hanno scopiazzato male. Ad ogni modo questo castello crolla non appena ci si trova di fronte alle scelte reali: in condizione di vincolo di bilancio, allargare i cordoni del welfare locale a tutti significa, di fatto, limitare i diritti degli italiani e delle famiglie eterosessuali, italiane, normali, quelle che portano il peso del lavoro, del pagamento di tasse e tariffe, quelle che dovrebbero essere in cima alle priorità, non mescolate in un pastone multi-gender e multi-culturale.
Volendo salvare qualcosa, mi sembrano leggermente più realistiche le idee sull’economia circolare, in particolare sul ciclo integrato dei rifiuti (anche se, come al solito, non si capisce bene chi e con quali soldi dovrà realizzare l’impiantistica di riciclaggio dei materiali, che permetterà un graduale spegnimento dell’inceneritore). Così come è positiva l’idea di creare una task force comunale per l’analisi e la partecipazione ai bandi europei (e nazionali, vorrei ricordare agli eroi eponimi dell’europeismo che esiste anche uno Stato che genera progetti e bandi).
Nell’insieme, però, al di là di alcuni aspetti puntuali condivisibili, il documento delinea una modestissima capacità strategica, non fa intravedere una idea-forza di sviluppo, né una idea di come si intende procedere. Emerge l’impressione di una sostanziale volontà di ritorno allo status quo pre-2014, gestendo progetti di derivazione comunitaria, nazionale e regionale già definiti e senza un protagonismo reale del livello locale, producendo notevole fuffa pseudo-solidarista e genderista/alteromondista, dietro la quale continuare ad occultare i problemi reali della città.
Alle prossime per l’analisi degli altri programmi.


domenica 21 aprile 2019

Cosa sarebbe potuto succedere se l’attentato contro Hitler avesse avuto successo? Una ipotesi



L’attentato riesce: le ore successive

La storia non si fa di “se”, ma siccome è sempre divertente immaginare scenari, proviamo ad immaginare cosa sarebbe successo se l’attentato ad Hitler nella “Tana del Lupo” il 20 luglio 1944 fosse riuscito. In fondo sarebbe bastato pochissimo per invertire la direzione della storia. Sarebbero bastati due o tre minuti in più a Von Stauffenberg, impegnato ad innescare i due ordigni, prima di essere chiamato con impazienza da Keitel nella sala-riunioni senza riuscire ad innescare il secondo. Sarebbe bastato che il colonnello Brandt non avesse spostato, con il piede, la valigetta contenente l’esplosivo, posizionandola in un punto in cui non poteva più essere mortale per Hitler. Supponiamo allora che queste microscopiche casualità non si siano verificate, e vediamo cosa sarebbe potuto succedere. Le due bombe esplodono contemporaneamente. Mentre sta salendo sull’aereo che lo riporterà a Berlino, Von Stauffenberg vede i soccorritori che portano il cadavere del Fuhrer fuori dalla casa in fiamme.  L’intero Alto Comando della Wehrmacht, da Keitel a Heusinger a Jodl, muore insieme ad Hitler. In giornata, i principali gerarchi nazisti vengono arrestati: Goebbels, Von Ribbentropp, Himmler, Bormann, Muller, Rosenberg e Goering vengono immediatamente resi inoffensivi. Alcuni, come Speer, passano dalla parte dei rivoltosi.
I congiurati fanno scattare il Piano Valchiria, originariamente un piano per contrastare possibili colpi di Stato contro il Reich, abilmente modificato nei mesi precedenti da Von Tresckow, uno dei generali ribelli, per usarlo al fine di prendere il controllo dello Stato dopo l’uccisione di Hitler. Le milizie territoriali e i reparti della Wehrmacht agli ordini di generali ribelli prendono immediatamente possesso di tutti i punti nevralgici di Berlino, Parigi, Vienna e Praga: Ministeri, Parlamento, sedi del partito, uffici dei Gauleiter, comandi delle SS e della Gestapo, stazioni radiofoniche e sedi di giornali. Mussolini, in visita ufficiale ad Hitler nel pomeriggio stesso dell’attentato, ed all’oscuro di tutto perché in volo, viene arrestato non appena atterra in Germania. Verrà usato come merce di scambio nelle successive trattative con gli Alleati. Migliaia di ufficiali delle SS e della Gestapo, in Francia, a Berlino, in altre zone della Germania e sul fronte russo, presi di sorpresa, sono tratti in arresto dai comandanti regionali facenti parte del putsch, alcuni immediatamente fucilati sul posto. Fromm, comandante dell’esercito di riserva, Rommel, Von Manstein, Guderian e Model aderiscono immediatamente, con le loro unità, alla ribellione in atto.

La sala riunioni della Tana del Lupo dopo l'esplosione


In serata l’ex generale Ludwig Beck, designato nuovo Capo dello Stato, rivolge un messaggio radiofonico alla Nazione: Hitler è morto, il regime nazionalsocialista è finito ed i suoi principali esponenti sono stati arrestati, il Governo verrà assicurato pro tempore dagli insorti, e sarà ripristinata la Costituzione di Weimar. Il dottor Gordeler sarà il Cancelliere. Le unità della Wehrmacht, delle SS, della Polizia e della Gestapo devono obbedire incondizionatamente al nuovo Governo, o verranno considerate passibili di insubordinazione, arresto immediato ed esecuzione dopo sommario processo. La polizia e la milizia territoriale si faranno carico di soffocare qualsiasi manifestazione non autorizzata. Il Governo avvierà immediate trattative con gli Alleati per la cessazione di ogni ostilità e la tutela del territorio e della popolazione tedesca. Come segno di buona volontà, i campi di concentramento e di lavoro con prigionieri civili devono essere immediatamente chiusi, ed i relativi prigionieri rimessi in libertà e riavviati via ferrovia verso il loro Paese di origine. Tuttavia, sino ad ordine contrario, i comandanti militari sul campo devono proseguire i combattimenti secondo le disposizioni già ricevute e quelle che verranno di seguito emanate, soltanto con finalità difensive delle posizioni già acquisite ed astenendosi dal lanciare offensive di alcun genere. Seguono misure straordinarie per la sussistenza alimentare della popolazione. 

Il nuovo Reichspresident, Ludwig Beck


La notizia filtra immediatamente nelle principali capitali Alleate. Stalin, furioso, annuncia che la guerra continuerà fino all’occupazione della Germania ed alla distruzione dei suoi dirigenti, senza nessuna tregua. Churchill e Roosevelt sono molto cauti e scettici. Da un lato, vogliono vedere se realmente la rivolta attecchirà, in un Paese sino a quel momento fanaticamente seguace di Hitler. D’altro lato, delle decisioni sono state già prese durante la conferenza di Teheran del 1943, segnatamente la divisione della Germania in più Stati per impedirne un risorgere di potenza militare e lo “spostamento” verso ovest del territorio della Polonia, fin sulla linea Oder-Neisse, sottraendo alla Germania territori indiscutibilmente tedeschi da sempre per compensare la Polonia dei territori orientali, oramai già annessi dall’Armata Rossa all’Unione Sovietica. Tutto ciò contrasta con l’intenzione del nuovo Governo tedesco di preservare l’integrità territoriale della Germania. E’ evidente che i tedeschi devono accettare una resa senza condizioni, non possono pensare di negoziare.
Il giorno dopo, un pensieroso Ulrich Von Hassel si reca a Mosca a parlare con Molotov con un aereo della Luftwaffe. Appena nominato Ministro degli Esteri del nuovo governo, questo aristocratico ex diplomatico deve convincere i sovietici a fermare l’offensiva verso la Germania, oramai arrivata in prossimità della Prussia orientale, preservando, oltre che l’integrità territoriale tedesca, il controllo sulla Polonia Orientale e  Danzica (eventualmente con la concessione ai polacchi della libertà di uso del porto) sull’Austria e sulla Cechia, dove la Germania ha un protettorato. Sa bene che Stalin non ne vuole sapere niente. Riuscirà solo a tornare a Berlino senza essere arrestato dal Kgb, senza aver ottenuto nessuna apertura da parte dei sovietici.

I cambiamenti immediati nello scenario internazionale

La situazione internazionale, come effetto del golpe, sta mutando rapidamente. Come effetto dell’arresto del Duce, il maresciallo Graziani viene nominato nuovo capo della Repubblica di Salò, ed avvia immediatamente trattative di pace con gli Alleati, consapevole di non poter più fruire dell’aiuto militare tedesco. Nel giro di una settimana, la Repubblica Sociale Italiana capitolerà senza condizioni, ottenendo soltanto un salvacondotto personale per i suoi gerarchi, ed il Governo Badoglio estenderà la sua influenza su tutto il Paese. Almeno 27 divisioni inglesi ed americane vengono immediatamente trasferite sul fronte occidentale, per supportare l’avanzata verso Parigi. Le divisioni tedesche sotto il controllo di Kesselring, meno infiltrate dai ribelli ed ancora fedeli al nazismo, risalgono verso l’Austria, sotto pesantissimi bombardamenti alleati e continue imboscate dei partigiani, per difendere il controllo tedesco dell’Austria. Al loro passaggio, per rappresaglia contro gli italiani, devastano città e villaggi, distruggono infrastrutture e massacrano la popolazione civile.
In Romania, dove alcuni reparti dell’Armata Rossa sono già entrati, il Re Michele I destituisce Antonescu e firma l’armistizio con gli Alleati, nel tentativo di salvarsi dall’invasione sovietica, volgendo le sue truppe contro i tedeschi, costretti alla difensiva. In Bulgaria, Grecia e Iugoslavia, le forze partigiane locali, galvanizzate dagli eventi berlinesi, organizzano massicce offensive contro le forze di occupazione tedesche, nel tentativo di liberare il proprio Paese da sole. In Slovacchia ed in Ungheria, i locali governi filonazisti iniziano a sostituire gli elementi più compromessi con il vecchio regime di Hitler con politici più moderati, aprendo anche a ministri socialisti e comunisti, per ingraziarsi l’Unione Sovietica, che avanza minacciosa. In Francia, il governo di Vichy di Laval e Pétain si dimette, ed i due fuggono in Spagna, nel tentativo di salvarsi, lasciando il Sud del Paese nell’anarchia.
Di fronte a questo crollo dello scenario internazionale, Von Hassel si sente ripetere da Roosevelt e Churchill, con toni meno truculenti di quelli di Stalin ma ugualmente decisi, l’invito ad arrendersi senza porre condizioni e senza negoziare alcunché. L’annuncio fatto da Beck via radio nella notte del putsch, riferito all’ordine di liberare i prigionieri dei campi di concentramento, conferma in Roosevelt ed in Churchill un sospetto tremendo, che già aleggiava: i nazisti gestiscono campi di sterminio per eliminare fisicamente gli ebrei e le altre minoranze etniche rastrellate dagli Einsatzgruppen delle SS. Di fronte alla conferma di tale sospetto fornita indirettamente da Beck, la comunità ebraica internazionale fa pressioni molto forti per non far terminare la guerra, per non accettare un armistizio: occorre avanzare, per liberare i campi ancora sotto il controllo tedesco, che potrebbero essere pieni di prigionieri da salvare. E, in vista di un processo contro i vertici politici e militari del Reich, assicurare alla giustizia internazionale i responsabili, che potrebbero annidarsi anche fra gli ufficiali che hanno realizzato il golpe: uno dei congiurati, il generale Hoepner, nel 1941 ha dichiarato alle sue truppe che “la campagna in Russia è la lotta per difendere la cultura europea dall’orda moscovita-asiatica, e per respingere l’ebraismo ed il bolscevismo”, invitando i suoi soldati a sterminare il nemico senza pietà. Lo stesso Von Tresckow ha operato sul fronte orientale in un’area in cui si fucilavano continuamente commissari politici e civili inermi, e da comandante del Gruppo di Armate Centrale ha firmato personalmente migliaia di ordini di rapimento e deportazione di bambini polacchi, inviati in campi di lavoro tedeschi.

Il Governo dei ribelli frana rapidamente

 Inoltre, gli Alleati respingono la richiesta di armistizio perché la potenza militare tedesca sta tracollando rapidamente, con il Paese che in pochi giorni scivola verso la guerra civile. Le divisioni delle Waffen SS più fedeli al nazismo, la Leibstandarte, la Totenkopf, la Polizei e la Das Reich, pur avendo subito l’arresto dei comandanti e dello Stato Maggiore, si sono ritirate dai loro teatri operativi, in Francia, in Polonia, nei Balcani, per riorganizzarsi in Germania meridionale sotto il comando di Sepp Dietrich, sfuggito agli arresti iniziali. Unendosi all’unità di élite Fuhrer-Begleit Regiment, reggimento di scorta del Fuhrer, già presente in Germania e comandato da Remer, accordandosi con le forze di Kesselring spostatesi in Austria dopo la fine della campagna italiana, proclamano il Quarto Reich su Germania meridionale, Austria e Cechia, con capitale Monaco di Baviera, resuscitando il partito nazionalsocialista e riconoscendo come nuovo Fuhrer l’ammiraglio Karl Doenitz, anch’egli sfuggito all’arresto e fanatico seguace di Hitler. La Slovenia viene immediatamente occupata. Approfittando del fatto che gli alleati ed i partigiani di Tito non sono ancora arrivati in Friuli, Trieste, Pola, Grado e l’Istria vengono occupate, al fine di avere uno sbocco nel Mediterraneo. Il regime ustascià di Pavelic stringe una alleanza con il nuovo Reich.
In pochi giorni, nel nuovo autoproclamato Stato affluiscono, da tutta la Germania, decine di migliaia di nazisti irredenti ed antisemiti radicali, che sanno di non aver alcun futuro nella nuova Germania post hitleriana. Arrivano personaggi del calibro di Julius Streicher, Jurgen Stroop o Adolf Eichmann, decisi a non arrendersi. Alcuni comandanti di lager rifiutano di obbedire all’ordine di rilasciare i prigionieri, e li passano per le armi. Avviene a Dachau e Mauthausen, che si trovano sul territorio del Quarto Reich post-hitleriano, ma anche a Majdanek ed Auschwitz, i cui comandanti, terrorizzati dall’arrivo dell’Armata Rossa, pensano bene di sterminare tutti i prigionieri per cancellare le tracce dei loro crimini. 

A Monaco si riorganizza il Quarto Reich, agli ordini di Doenitz

 
 Tra l’altro, a livello interno la popolazione tedesca non reagisce positivamente al colpo di Stato, come avevano sperato in un primo momento i ribelli. Aizzati dai nazisti superstiti, che parlano di tradimento della Patria e di Paese consegnato ai temibili soldati dell’Armata Rossa, i tedeschi, terrorizzati dalle rappresaglie dei sovietici, temendo che l’uccisione di Hitler abbia indebolito il sistema difensivo della Germania, scendono in piazza a protestare. Il 22 luglio una folla enorme protesta sotto la Cancelleria del Reich, a Berlino. Von Stauffenberg, il cui prestigio all’interno del nuovo Governo è indiscutibile per aver ucciso il Fuhrer, sulla base della sua ideologia elitarista ed autoritaria, impone al Ministro dell’Interno Leber, un socialdemocratico, che però deve a von Stauffenberg la sua sopravvivenza, di usare le maniere forti. La polizia berlinese spara ai dimostranti nel terzo giorno di manifestazione, causando la morte di 20 persone.
Tale evento aliena le simpatie della Spd e dei comunisti, che passano all’opposizione. La situazione sociale è aggravata dalla penuria di beni di prima necessità: il Cancelliere Gordeler, che è un liberale, con ancora la memoria dell’iperinflazione di Weimar, rifiuta la proposta delle opposizioni di sinistra di aumentare i salari, proprio mentre viene diramato un ordine di nazionalizzazione completo di tutte le industrie collegate al complesso militare, per riconvertirle verso la produzione civile, che genera l’immediata ostilità dell’associazione degli industriali. Alfried Krupp, il proprietario dell’omonimo colosso industriale, minaccia il Governo di smantellare i suoi impianti industriali per portarli nel territorio del Quarto Reich. Il 24 luglio degli ignoti sparano alle gambe di Lejeune-Jung, il Ministro dell’Economia, azzoppandolo per sempre.
La reazione dei militari al Governo al caos crescente è da militari. Con un ordine esecutivo, il Presidente Beck impone il coprifuoco, la chiusura di giornali e radio dell’opposizione, la riapertura dei lager per prigionieri politici appena liberati e la nazionalizzazione immediata di tutte le banche e dei mezzi di produzione. In un Parlamento blindato dalla polizia controllata da Von Tresckow, viene passata una nuova Costituzione, che prevede l’autorizzazione del Governo per l’esercizio di attività politica e sindacale, il reato di opinione, l’arresto senza autorizzazione della magistratura per sospetta attività sediziosa ed il depotenziamento del Parlamento.
Tali decisioni, anziché calmare la situazione, la infiammano ulteriormente. Gordeler, da liberale, si dimette per protesta dalla carica di Cancelliere, che viene immediatamente assunta da Von Stauffenberg. Qualche giorno dopo, Gordeler verrà arrestato e sparirà. Di lui non si saprà più nulla. Gli ex nazisti esautorati da cariche politiche ed amministrative iniziano, con il supporto finanziario e logistico proveniente dal Quarto Reich di Monaco e dagli industriali, ad organizzare un esercito clandestino di resistenza. Si verificano scontri di piazza fra sinistra ed ex nazisti, che ricordano il clima di Weimar. Nel caos, si verificano fughe di massa dai penitenziari di criminali comuni, che vengono spesso reclutati nell’Esercito Nazionale Popolare di Resistenza costituito dagli ex nazisti. Furti, saccheggi ed omicidi sono all’ordine del giorno, mentre a polizia e milizia territoriale viene data l’autorizzazione di sparare a vista. 

Tornano i disordini tipici di Weimar



Le strategie di guerra cambiano

Il 15 agosto, a Damasco, è un giorno caldo e pieno di sole. Nel calore spesso i canti dei muezzin si inframmezzano alle campane delle chiese cattoliche. Finalmente, dopo gli eventi tedeschi, i tre alleati, Roosevelt, Churchill e Stalin si incontrano per decidere la nuova strategia da tenere con la Germania, alla luce degli sconvolgimenti verificatisi. Stalin ha paura che i due alleati occidentali finiscano per fare accordi con il Governo di Berlino, e propone che le operazioni militari proseguano come da decisioni già prese, senza alcuna modifica ai piani operativi. Churchill e Roosevelt, in realtà, per i motivi sopra esposti, non hanno alcuna intenzione di fermare le operazioni, solo che il cambiamento di scenario impone, evidentemente, una modifica alle strategie militari. Il Quarto Reich è arroccato fra le montagne austriache e bavaresi con oltre trenta divisioni della Wehrmacht di veterani induriti dalle campagne d’Italia e del Nordafrica e quattro divisioni di élite delle Waffen SS, con corpi di volontari repubblichini italiani e cechi e l’esercito ustascià croato, oltre ai partigiani cetnici di Mihajlovic che, in un disperato sforzo di sopravvivenza, temendo (a ragione) l’aggressione sovietica, si sono alleati ai nazisti. Un osso troppo duro da affrontare, per il momento.
Il ventre molle della Germania è adesso il Governo di Berlino. Gli anglo-americani propongono di occuparsi della liberazione della Francia ancora occupata, del Benelux, della Scandinavia e della Germania centro settentrionale ed orientale, fino a Berlino, alla Prussia Orientale ed a Danzica. L’Armata Rossa, partendo dall’Ucraina, potrebbe attaccare da sud, attraverso la Romania, la Bulgaria, la Iugoslavia e la Croazia, l’Ungheria, la Slovacchia, il Protettorato di Boemia e Moravia, facendo pressioni al Quarto Reich da Sud. A quel punto, gli alleati, da nord, ed i sovietici, da sud, stringerebbero il Quarto Reich in una morsa micidiale.
Stalin nicchia un po'. In una logica che già guarda a Yalta ed alla divisione del mondo in sfere di influenza, si tratta, in pratica, di regalare l’intera Germania centro settentrionale, ivi compresa la liberazione, altamente simbolica, di Berlino, agli occidentali. L’occupazione anglo-americana della Prussia orientale e di Danzica, peraltro, significherebbe anche rinunciare alla Polonia, con cui del resto Churchill ha sempre avuto un debito morale. D’altra parte, però, per Mosca si tratterebbe di occupare militarmente i Balcani, garantendosi uno sbocco navale sul Mediterraneo, antica rivendicazione della politica estera russa, e l’Europa centrale, almeno fino all’Austria. Da quella posizione, Stalin non dispera di poter portare nella sfera comunista anche l’Italia e la Grecia, che per il momento sono sotto controllo anglo-americano.
D’altro canto, non è chiaro quale sarà il destino della Germania meridionale sotto il controllo del Quarto Reich, ovvero la Baviera, il Baden-Wurttemberg e la parte meridionale dell’Essen e della Renania-Palatinato. Da georgiano astuto, comprendendo la fretta di Roosevelt e di Churchill di chiudere l’accordo, Stalin rilancia, proponendo di estendere il suo controllo anche sulla Germania meridionale, realizzando la divisione della Germania già concordata a Teheran, con una Germania del Sud nella sfera di influenza comunista, ed una Germania centro settentrionale ed orientale sotto controllo capitalista. Baviera e Baden-Wurttemberg sono polpette prelibate, si tratta di due lander con un apparato industriale molto forte e grandi tradizioni produttive. Roosevelt e Churchill, però, chiudono: è ancora troppo presto per decidere in merito.

La sconfitta finale della Germania settentrionale ed orientale

Sulla base degli accordi presi a Damasco, le truppe anglo-americane presenti in Francia e l’esercito francese del generale Leclerc provvedono, il 25 agosto, a liberare Parigi dopo una durissima battaglia di cinque giorni, contro le truppe di von Choltitz e von Stulpnagel, mentre la direttrice occidentale punta verso la Renania ed il Belgio, scontrandosi, a partire da metà settembre, con le formidabili difese della linea Sigfrido, rafforzate da truppe spostate dal fronte orientale per via della parziale riduzione della pressione sovietica, ora diretta verso sud-ovest e non più verso ovest. Per settimane, le difese tedesche resistono valorosamente, causando pesanti perdite agli alleati. Il caos sociale regnante in Germania, però, ostacola la produzione industriale bellica, danneggia la logistica e riduce il reclutamento di volontari necessari per rimpiazzare le truppe perse nella difesa delle frontiere. Il tentativo disperato di cercare un cessate-il-fuoco impedisce di usare le nuove armi segrete a fini aggressivi, in particolare le V1 e le V2.
Man mano che la difesa tedesca si logora, senza validi rimpiazzi, che Metz, Bruxelles, Anversa e Aquisgrana vengono conquistate con spaventosi scontri strada per strada, la situazione politica interna peggiora ulteriormente. Un gruppo di ufficiali sostenuti da Monaco di Baviera tenta un controgolpe, per far cadere un Governo giudicato incapace di difendere la Patria, al fine di riunificare la Germania del Nord e quella del Sud sotto un nuovo Reich. Il controgolpe fallisce, ma crea un contraccolpo organizzativo e morale sulle truppe impegnate a difendere la Patria. A metà ottobre, dopo durissimi combattimenti, gli alleati conquistano il ponte Ludendorff a Remagen. Più a nord, in Belgio, dopo l’allagamento della diga sul Roer, le truppe tedesche debbono ritirarsi da Anversa a febbraio 1945, facendo di fatto cadere la linea difensiva del Reno.
Entro fine marzo la Ruhr, il cuore minerario ed industriale della Germania, viene occupata dagli Alleati. Von Tresckow viene catturato insieme a tutta la Prima Armata tedesca, aggirata e rinchiusa in una sacca. Città come Colonia, Amburgo, Brema, Dortmund, Essen, Francoforte e Dusseldorf cadono una dopo l’altra nel giro di due mesi. Sotto l’impeto popolare, a fine maggio 1945 il Governo di Berlino cade. Von Stauffenberg viene ucciso dalla folla rabbiosa che incendia il palazzo del Cancellierato del Reich. Beck assume su di sé tutti i poteri.
La guerra difensiva e l’abilità dei comandanti hanno però preservato una parte non irrilevante del potenziale bellico tedesco. Lungo l’Elba viene organizzata l’estrema linea difensiva di Berlino, con circa 50 divisioni ricostituite dai resti delle armate sconfitte, una linea formidabile, ma Beck sa benissimo che non potrà resistere a lungo. Il morale delle truppe è a zero, l’economia tedesca è distrutta, la popolazione è in subbuglio ed è venuta meno la fiducia sul futuro. Un enorme bombardamento aereo su Dresda, privo di qualsiasi motivazione militare, ma sanguinoso in termini di perdite civili, è servito a demoralizzare ulteriormente i tedeschi.  Le difficoltà di reclutamento renderanno necessario, prima o poi, liberare e rimettere in servizio le migliaia di SS infedeli arrestate all’indomani del golpe. Mentre eroicamente l’esercito si immola a difesa dell’Elba, Beck rilancia il processo negoziale, sostituendo l’inconsistente Von Hassel con Friedrich Von Der Schulemburg. Altro ex diplomatico, da sempre un convinto fautore della più antica dottrina di politica estera tedesca, ovvero l’espansionismo verso est con mezzi politici e non militari (ciò che gli è costato l’avversione di Hitler e l’allontanamento dalle funzioni diplomatiche) ha il vantaggio di avere una amicizia personale con Molotov e la diplomazia sovietica. Nel 1941, cercò addirittura di avvertire l’ambasciatore sovietico a Berlino, Dekanozov, dell’imminente attacco tedesco.
Più flessibile di Von Hassel, Schulemburg presenta una proposta realistica di armistizio: rinuncia della Germania a tutte le conquiste territoriali dal 1938 in poi, accettazione di un periodo temporaneo di amministrazione militare anglo-americana, disarmo completo di tutte le Forze Armate, accettazione di non ingerirsi in operazioni militari contro il Quarto Reich, accettazione di una futura divisione della Germania in due Stati, collaborazione piena a rintracciare e processare i criminali di guerra, pagamento di riparazioni di guerra. Roosevelt e Churchill accettano immediatamente l’armistizio a metà giugno 1945. Stalin inizialmente rifiuta ma poi, messo di fronte al fatto acquisito, accetta la resa incondizionata del Governo di Berlino il giorno dopo. Le truppe anglo americane, senza più resistenza, percorrono tutta la Germania fino a Danzica, arrestando il Governo di Berlino, con l’unica eccezione del Presidente Beck, che viene però deposto. Mussolini, rimasto ancora in carico al Governo di Berlino, viene preso dagli Alleati e, tramite non ben chiarite dinamiche, lasciato fuggire in Spagna, prima, ed in Argentina, poi, da dove, per diversi anni, continuerà a influire a distanza sulle vicende politiche italiane, manovrando il Movimento Sociale Italiano e settori deviati e filofascisti delle Forze Armate e dei servizi, fino alla sua morte naturale, nel 1965.

La sconfitta finale della Germania meridionale

Rimane però lo scoglio del Quarto Reich. L’Armata Rossa, nel frattempo, ha invaso Bulgaria, Ungheria, Cecoslovacchia, Iugoslavia, Croazia, sterminando al suo passaggio Tiso, Croci Frecciate, collaborazionisti cechi, ustascià e cetnici, ed adesso preme alle frontiere orientali austriache, sbaragliando le poche divisioni schierate dal Governo di Berlino a protezione dei suoi alleati ungheresi, cechi e slovacchi, fremendo per l’attacco finale al Quarto Reich. Ai primi di luglio 1945, inizia l’offensiva da nord e da sud al Quarto Reich. Come da accordi sopravvenuti, le forze anglo-americane non invaderanno il territorio tedesco meridionale, lasciando che la sua occupazione sia fatta dall’Armata Rossa, che dovrà inglobare tale area nella sua zona di influenza. Si limiteranno a tenere impegnate alcune divisioni, con l’artiglieria e con piccoli e veloci attacchi nelle aree frontaliere, e ad effettuare raid aerei sulle retrovie dell’esercito tedesco-meridionale. Kesselring, come dimostrato nella campagna italiana, è un eccellente stratega difensivo, e la natura montuosa del territorio lo aiuta a rallentare l’avanzata dei sovietici, numericamente e tecnicamente superiori. La fanteria di montagna delle SS è specializzata nella difesa di gole e passi montuosi, ma le forze tedesche meridionali soffrono di una grande inferiorità aerea, poiché la loro Aviazione è costituita dai pochi apparecchi reduci dalla campagna d’Italia e dalla ridotta difesa aerea posta a protezione di Monaco e Stoccarda nel periodo hitleriano, quando il grosso delle forze aeree di difesa erano state schierate nella Ruhr, nei porti ed attorno a Berlino.
Stalin, peraltro, ha una grande fretta: il 6 e 9 agosto, mentre l’Armata Rossa arranca ancora fra le montagne austriache, gli americani lanciano le loro bombe atomiche su Hiroshima e Nagasaki, producendo l’immediata resa del Giappone. L’Unione Sovietica deve quindi concludere rapidamente l’invasione della Germania meridionale, prima che gli Alleati ripetano il bombardamento su Monaco, attribuendosi poi il merito della resa del Quarto Reich. Le truppe sovietiche avanzano con la forza della loro superiorità numerica e della ferocia, lasciandosi dietro città e villaggi distrutti, vittime civili, giustiziando i prigionieri catturati in battaglia, specie se ufficiali. A fine agosto inizia la battaglia per la liberazione di Vienna, mentre quasi contemporaneamente un altro spezzone dell’offensiva sovietica punta su Graz. Kaltenbrunner, al comando delle forze di difesa di Vienna, viene accerchiato, colpito duramente con artiglieria e bombardamenti aerei, e costretto alla resa. Ma la città resiste per oltre un mese di combattimenti strada per strada, perché Kaltenbrunner riesce a reclutare milizie di cittadini e a lanciare contro le divisioni sovietiche persino i bambini della Doenitzjugend, una organizzazione simile alla Hitlerjugend. Alla fine si contano centinaia di migliaia di morti. Una delle città più belle d’Europa è rasa al suolo.
A fine dicembre, l’Armata Rossa entra in territorio tedesco, dopo aver superato le ultime difese attestate attorno a Salisburgo. La strada per Monaco è aperta. Ci sono voluti quasi cinque mesi ed enormi perdite, ma Doenitz, resosi conto dell’impossibilità di difendere Monaco, corre incontro alle Armate di Zuckov ed a Rosenheim firma la resa incondizionata. Un minuto dopo aver firmato i documenti di resa viene preso in consegna da funzionari del Kgb e portato alla Lubjanka, a Mosca, per interrogarlo. Il 30 dicembre 1945 la seconda guerra mondiale finisce.

Le conseguenze geopolitiche successive alla guerra

La Germania viene divisa in quattro zone di influenza, che porteranno, a fine guerra, ad una divisione in due Stati: la Germania Federale nella zona settentrionale ed orientale, amputata di Danzica, della Pomerania e della Prussia, fagocitate dalla Polonia, a democrazia liberale e dentro la NATO, insieme alla Polonia stessa, mentre la Germania meridionale, insieme a Romania, Bulgaria, Cecoslovacchia, Ungheria, Iugoslavia, Albania e Austria, sotto controllo militare sovietico, diventano Repubbliche Popolari.
L’Italia resta, come la Grecia, nell’orbita della NATO, ma perde definitivamente, oltre a Fiume ed all’Istria, anche Trieste: la presenza dell’Armata Rossa insieme all’Esercito di Tito, infatti, toglie ogni possibilità di negoziato all’Italia. Migliaia di triestini italiani vengono infoibati, decine di migliaia affluiscono come profughi in Italia. Solo nel 1975 viene firmato un trattato italo-iugoslavo in cui viene concessa alla comunità italiana di Trieste qualche forma di autonomia amministrativa e di difesa della propria lingua.
Italia e Grecia diventano Paesi fondamentali perché terre di confine fra le due cortine: l’Italia, per non aver sperimentato una vera e propria sconfitta completa del fascismo repubblichino (Graziani riuscirà ad ottenere un armistizio prima della sconfitta finale) ed essendo influenzata dalle manovre esterne dell’ex Duce dall’Argentina, rimarrà un Paese sostanzialmente fascista: la monarchia non sopravviverà al referendum, ma la Costituzione repubblicana sarà molto meno progressista di quella attuale. E durerà anche poco: nel 1964, con l’appoggio degli USA, un colpo di Stato militare condotto dal generale dei carabinieri De Lorenzo metterà fine all’esperimento democratico italiano. Più o meno contemporaneamente, nel 1967, la Grecia cadrà sotto il regime dei colonnelli. Entrambi i Paesi saranno oggetto di generosissimi aiuti economici da parte degli USA per impedire la loro caduta nell’orbita comunista, e sperimenteranno forti tassi di crescita.
Non vi sarà nessuna esperienza di socialismo non allineato alla iugoslava o all’albanese: entrambi i Paesi, controllati dall’Armata Rossa e organizzati come Repubbliche sovietiche, saranno rigidamente controllati da Mosca: nel 1950 Tito, che manifesterà qualche grado di autonomia da Stalin, verrà destituito in un Congresso della Lega dei Comunisti iugoslavi e sostituito dal più fedele Rankovic. Stessa sorta capiterà ad Enver Hoxha.
Dal punto di vista della Germania, il successo nell’attentato del 20 luglio 1944 sarà stato molto relativo: non avrà impedito la prosecuzione della guerra per un altro anno e mezzo, peraltro l’anno e mezzo più sanguinoso in termini di perdite umane, non avrà impedito la resa catastrofica con la perdita di ogni guadagno territoriale e la divisione in due del Paese, ma avrà quantomeno evitato il martirio di Berlino. Le perdite umane non saranno, alla fine, molto dissimili da quelle realmente verificatesi nella realtà storica. La guerra sarà durata qualche mese in più.
Il nazismo, sconfitto militarmente in forma totale, a differenza del fascismo, sarà condannato per crimini contro l’umanità nel processo di Norimberga (localizzato nella parte meridionale, a controllo sovietico, del Paese) anche se alcuni nazisti di secondo piano, come Eichmann, Stangl, Mengele, Priebke, Barbie o Brunner riusciranno, temporaneamente, a sfuggire alla giustizia. La traiettoria storica e politica del nazismo si esaurirà completamente.
La parte nord orientale del Paese, inserita dentro una economia di mercato ed oggetto di forti aiuti economici statunitensi, si riprenderà in pochi anni, diventando di nuovo una grande potenza economica. La parte meridionale rimarrà sotto il giogo sovietico fino al 1989, quando cadrà il muro fra Germania del Sud e Germania del Nord. Essendo la Baviera una terra di grandi tradizioni cattoliche, essa eserciterà, nel nostro scenario, lo stesso effetto dirompente esercitato, nella realtà storica, dalla Polonia di Solidarnosc. Gli operai della Bmw, che negli anni del socialismo reale produrrà piccole macchinine con motori a tre tempi e telaio di vetroresina, fonderanno un sindacato cattolico in antagonismo con il regime, che chiederà democrazia ed aumenti salariali. Fortemente aiutato dagli USA e dal Vaticano, tale sindacato sarà uno dei fattori di progressiva rottura della cortina di ferro.